Pompe di calore professionali : cosa sono e perché sceglierle

Pompa di calore professionaleAbbiamo visto che le pompe di calore possono essere una soluzione molto interessante per scaldare le nostre case e/o produrre acqua calda sanitaria.

Specie se dobbiamo sostituire la caldaia che magari è a gasolio o anche solo a metano o GPL, la pompa di calore può essere un’idea interessante anche nell’ottica di avere una casa “no-gas” in cui i bisogni energetici siano soddisfatti esclusivamente con l’energia elettrica.

Ma, come già detto, la scelta della pompa di calore va però valutata in fase di progettazione in quanto non è detto che sia la soluzione ottimale per tutti i casi.

Ad esempio se si ha una casa poco isolata sarebbe opportuno prima di tutto realizzare un intervento di isolamento termico per fare in modo che l’edificio disperda meno calore possibile. Sarebbe un po’ illogico investire in una nuova tecnologia per produrre calore (anche se in maniera efficiente) quando poi molto di quel calore prodotto viene perso a causa di uno scarso isolamento termico.

Un altro caso in cui la pompa di calore va valutata con attenzione è quando abbiamo i termosifoni (sarebbe più corretto chiamarli radiatori ma usiamo il termine che è ormai di uso comune) che, come è noto, lavorano con temperature di mandata dell’acqua abbastanza alte, che possono arrivare a 65° e oltre.

In generale la maggior parte delle pompe di calore presenti sul mercato sono state progettate per funzionare con temperature esterne intorno ai 7° e temperature di mandata intono ai 35°. Ciò le rende una soluzione ideale quando in casa abbiamo un sistema di riscaldamento radiante (a pavimento) che per l’appunto lavora con temperature intorno ai 35°.

Se, come nel caso del riscaldamento a termosifoni, la temperatura di mandata non è 35° ma quasi il doppio e inoltre la temperatura esterna scende sotto i 7°, la convenienza economica dell’utilizzo della pompa di calore si può trasformare invece in un consumo molto elevato di energia elettrica perché la macchina deve lavorare molto di più.

La pompa di calore si può utilizzare con un impianto a termosifoni ?

pompe di calore e termosifoniA questo punto sembrerebbe che l’utilizzo della pompa di calore possa essere una scelta sbagliata se in casa abbiamo i termosifoni.

Non è sempre così, precisato che ogni situazione va valutata caso per caso, l’elemento importante da tenere presente è che non possiamo pensare di installare una pompa di calore “convenzionale” ma una pompa di calore “professionale” ad alta temperatura ad esempio della Stiebel Eltron, Templari, Kronoterm, Ariston.

In effetti con il termine “pompe di calore” si tende a definire una serie di macchine prodotte con 3 approcci diversi:

  1. il primo è quello utilizzato da aziende produttrici di climatizzatori che hanno riconvertito i loro prodotti in pompe di calore
  2. il secondo è quello utilizzato da aziende produttici di caldaie che hanno riconvertito anche loro i loro prodotti in pompe di calore
  3. il terzo è quello seguito da aziende che fin dall’inizio si sono concentrate sulla produzione di “vere” pompe di calore

La differenza sostanziale fra le pompe di calore “convenzionali” e quelle “professionali” è che le seconde sono state ideate e progettate per lavorare con temperature esterne basse (inferiori a 5°) e con temperature di mandata superiori ai 50°. In queste condizioni queste macchine funzionano con un COP (coefficiente di prestazione) che le rende convenienti dal punto di vista economico.

Le pompe di calore professionali prevedono inoltre un sistema di sbrinamento del ghiaccio che, a temperature molto basse, si può formare nella batteria esterna e che nel caso di pompe di calore “convenzionali” fa aumentare ancor di più i consumi elettrici.

Se poi la pompa di calore professionale viene fatta funzionare in abbinamento ad un impianto fotovoltaico possiamo sfruttare l’energia prodotta dal fotovoltaico durante il giorno per scaldare l’acqua nel serbatoio dell’acqua tecnica (puffer, che di solito contenente circa 150 litri) ) che verrà utilizzata per far funzionare l’impianto di riscaldamento nelle ore serali e per scaldare l’acqua del serbatoio per l’acqua calda sanitaria (bollitore) che va dimensionato di volta in volta in base al numero di persone (di solito si calcola 50-60 litri a persona).

Ricordiamo comunque che per capire se la pompa di calore, seppur professionale, può essere adatta per la nostra casa dove sono presenti i termosifoni occorre verificare la tipologia:

  1. alluminio: possono andar bene per le pompe di calore in quanto possono lavorare bene anche a 45-50 gradi
  2. acciaio: potrebbero andare bene perché possono lavorare a temperature di 55-60 gradi
  3. ghisa: se abbiamo questa tipologia dobbiamo approfondire meglio perché di solito lavorano con acqua a 65-70 gradi

Come già precisato nella pagina dove si parla di pompe di calore, la “prova del 9” la si può fare abbassando la temperatura di mandata dell’impianto e portarla a 55°: se questa temperatura è comunque sufficiente per scaldare l’abitazione allora possiamo essere quasi certi di poter installare la pompa di calore.

Il condizionale è d’obbligo perché non basta questa semplice verifica ma va fatto uno studio per valutare con precisione tutti gli aspetti tecnici ed economici.

Pompe di calore professionali : come sceglierle ?

Una possibilità è fare riferimento all’associazione EHPA (Europen Heat Pump Association) che ha sede a Bruxelles e promuove la tecnologia delle pompe di calore.

Il marchio di qualità EHPA, accettato a livello internazionale, certifica l’efficienza e la qualità delle pompe di calore. Per ottenere il certificato EHPA è necessario superare numerosi test qualitativi presso istituti autorizzati riconosciuti dall’associazione. L’associazione EHPA fornisce una lista di enti e centri autorizzati al rilascio della sua certificazione.

Fra i centri autorizzati dall’EHPA vi è WPZ un centro di certificazione svizzero che fornisce test completi per produttori e distributori.

I test sulle prestazioni delle macchine includono la determinazione della capacità di riscaldamento e il calcolo del COP e lo SCOP (COP stagionale), 2 tra i valori più importanti per capire la qualità del prodotto. I test WPZ sono i più rigidi e difficili da superare e pertanto una certificazione conseguita da loro è la più prestigiosa.

Pompe di calore professionali: quali sono i prezzi ?

“Quanto costa una pompa di calore professionale” ? La domanda sorge spontanea … anche se sarebbe più corretto pensare ad un investimento che ad un costo da pagare. La pompa di calore permette di ridurre i costi di riscaldamento e ha mediamente un ritorno economico che si può stimare in 6-8 anni.

Fatta questa precisazione, possiamo dire che il costo di una pompa di calore professionale per riscaldamento si aggira intorno al 30% in più di una “convenzionale”.

Se prendiamo in considerazione una pompa di calore convenzionale dal costo di 12.000 € una pompa di calore professionale può venire a costare intorno ai 16.000 € (importo che comprende progettazione, rifacimento centrale termica, accumuli, impianto idraulico, impianto elettrico, monitoraggio da remoto, ecc.).

Ma perché spendere 4.000 € in più per una pompa di calore professionale ?

  1. Perché funziona bene anche con temperature inferiori a 0° mentre quelle convenzionali hanno problemi già a +5°
  2. Perché è più silenziosa, aspetto da non sottovalutare avendo l’unità esterna spesso non lontana da altre abitazioni
  3. Perché si solito hanno una serie di controlli molto più sofisticati accessibili anche da remoto
  4. Ed infine perché, considerando le detrazioni fiscali del 65%, la differenza di costo non è di 4.000 € ma di 1.400 € (35% di 4.000 €)

Prospetto economico di un impianto a pompa di calore (esempio)

Abbiamo visto che più che chiederci “quanto costa una pompa di calore ?” la domanda che dovremmo farci è “quanto può farci risparmiare una pompa di calore ?”. Premesso che ogni situazione va valutata caso per caso, vediamo un esempio concreto per farci un’idea.

Caratteristiche di questo esempio:

  • Casa indipendente su 2 piani, superficie di 200 mq
  • Impianto a gasolio
  • Spesa annua per il gasolio: 3.500 €

In questa abitazione è stata realizzata una ristrutturazione completa dell’edificio per cui si è preso in considerazione la sostituzione della caldaia a gasolio unitamente alla sostituzione dell’impianto di riscaldamento a termosifoni con un impianto a pannelli radianti.

Caratteristiche dell’impianto installato:

  • Pompa di calore aria / acqua da 12 kW per riscaldamento e acqua sanitaria (ACS)
  • COP (coefficiente di performance con temperatura esterna di +2° e temperatura di mandata di +35°: 3,95
  • Volume accumulo acqua tecnica (riscaldamento): 150 l
  • Volume accumulo acqua sanitaria : 300 l

Il prospetto economico è il seguente:

Nella prima tabella vediamo l’ipotesi con l’impianto a pompa di calore. A fronte della spesa iniziale per l’impianto (parliamo di una pompa di calore professionale che possa avere ottime performance con temperatura esterna anche di +2°) vediamo che avremo una spesa annua (che sarà per la bolletta elettrica invece che per il gasolio) che si riduce di circa 400 €. Avremo inoltre le detrazioni fiscali del 65% per cui il costo finale dell’impianto sarà di 5600 €.

Nella seconda tabella vediamo l’ipotesi in cui si decide di mantenere la caldaia a gasolio: i costi di riscaldamento rimangono invariati, anzi aumentano dell’1% all’anno.

Nota: per i costi annuali del gasolio è stato previsto un aumento annuo dell’1% mentre per i costi elettrici non è stato applicato nessun aumento poichè ultimamente i costi elettrici non prevedono aumenti. Anzi nel 2020 per la bolletta elettrica è prevista addirittura una riduzione di circa il 5%.

pompa di calore - business plan

Si può notare che con l’installazione della pompa di calore si potranno risparmiare circa 7.800 € rispetto all’ipotesi per cui si rimane con la caldaia a gasolio.

Cosa fare se sei interessato ad approfondire l’argomento

La prima cosa che ti consigliamo di fare è richiedere un sopralluogo di un professionista che ti possa far conoscere al meglio le varie soluzioni e proporti quella più adatta per la tua casa.

Rivolgiti a Ecostili

Rivolgendoti ad Ecostili avrai una consulenza professionale per scegliere l’intervento migliore per la tua casa.

Una volta deciso quali lavori realizzare ti permette inoltre di avere un unico referente in tutte le fasi successive:

  1. Gestione delle eventuali pratiche necessarie
  2. Coordinamento delle varie fasi di intervento fino al completamento dei lavori
  3. Disbrigo delle pratiche per ottenere le detrazioni fiscali

Contattaci per avere maggiori informazioni

Scrivi un tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nel 2020 con il "bonus facciate" si potrà detrarre il 90% dei costi per i lavori, cappotto termico incluso

Vedi tutti i dettagli del "bonus facciate"
close-link
Avvia la chat
1
Vuoi maggiori informazioni ?
Vuoi maggiori informazioni ? Clicca su "Avvia la chat" per mandarci un messaggio su Whatsapp
Powered by