Detrazioni fiscali 2020 per il risparmio energetico

Detrazioni fiscali per il risparmio energetico

La legge di bilancio approvata a fine 2019 ha introdotto il cosiddetto “Bonus facciate“.

In seguito a luglio 2020 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge 77/2020 denominata Superbonus 110%. La norma prevede l’aumento al 110% della detrazione fiscale per gli interventi “volti ad incrementare l’efficienza energetica degli edifici (ecobonus) e la riduzione del rischio sismico (sismabonus)“. La normativa è stata completata dalla successiva pubblicazione di decreti, circolari e, per ultimo, dalle modifiche previste nella Legge di Bilancio per il 2021. L’elenco delle norme è disponibile nell’articolo del Superbonus 110%.

Tabella riassuntiva delle detrazioni fiscali

Nella tabella sono riassunte le detrazioni fiscali per il risparmio energetico previste nel caso in cui non si possa rientrare nel Superbonus al 110%. Per tutte le detrazioni elencate qui di seguito il periodo di recupero è di 10 anni.

InterventoDetrazione
Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale/estiva con impianti dotati di caldaie condensazione con efficienza almeno pari alla classe A ed eventuale installazione di termovalvole

Vedi il documento dell'ENEA sulle caldaie a condensazione

  • Detrazione: 50%/65% (vedi doc. ENEA)
  • Detrazione massima: 30.000 € per unità immobiliare
Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale/estiva con impianti ibridi: pompe di calore e caldaie condensazione assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro. L’ENEA ha creato una guida sui sistemi ibridi

Vedi il documento dell'ENEA sulle pompe di calore

  • Detrazione del : 65%
  • Detrazione massima: 30.000 € per unità immobiliare
Sostituzione di impianti esistenti con micro-generatori

Vedi il documento dell'ENEA sui microgeneratori

  • Detrazione del : 65%
  • Spesa massima: 153.846,15 €
  • Detrazione massima: 100.000 €
Installazione di pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria

Vedi il documento dell'ENEA sui pannelli solari termici

  • Detrazione del : 65%
  • Spesa massima: 92.307,69 €
  • Detrazione massima: 60.000 €
Installazione di pannelli solari fotovoltaici per la produzione di energia elettrica
  • Detrazione del : 50%
  • Detrazione massima: 96.000 €
Bonus facciate: prevede la detrazione del 90% delle spese sostenute e documentate per il rifacimento delle facciate. Per maggiori informazioni leggi l’articolo sul “bonus facciate

Vedi il documento dell'ENEA sul bonus facciate

  • Detrazione del : 90%
  • Non è previsto un limite di spesa
Interventi di isolamento termico delle strutture opache verticali e orizzontali

Vedi il documento dell'ENEA sull'isolamento termico delle strutture opache

  • Detrazione del : 65%
  • Spesa massima: 92.307,69 €
  • Detrazione massima: 60.000 €
Riqualificazione energetica delle parti comuni condominiali : isolamento termico delle strutture opache verticali e orizzontali e interventi di riduzione del rischio sismico

Vedi il documento dell'ENEA sulla riqualificazione energetica delle parti comuni condominiali

  • Detrazione dal 70% al 85% (*1)
Acquisto e posa di caldaie a biomassa

Vedi il documento dell'ENEA per le caldaie a biomassa

  • Detrazione del : 50%
  • Spesa massima: 60.000 €
  • Detrazione massima: 30.000 €
Serramenti e infissi

Vedi il documento dell'ENEA per serramenti e infissi

  • Detrazione del : 50% e 65% (*2)
  • Spesa massima: 120.000 €
  • Detrazione massima: 60.000 €
Schermature solari

Vedi il documento dell'ENEA per le schermature solari

  • Detrazione del : 50% e 65% (*2)
  • Spesa massima: 120.000 €
  • Detrazione massima:  60.000 €

(*1) Per quel che riguarda l’intervento di isolamento termico la detrazione per i condomini è del :

Le detrazioni del 70% e 75% il tetto di spesa è pari a 40mila euro moltiplicati per il numero di unità immobiliari che compongono il condominio interessato dai lavori di efficientamento.

(*2) 50% delle spese totali sostenute nel caso delle singole unità immobiliari;  65% delle spese totali sostenute nel caso di interventi che interessino le parti comuni degli edifici condominiali o tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio.

Altre detrazioni fiscali previste

Ristrutturazione edilizia

La detrazione fiscale del 50% per ristrutturazione edilizia ha un massimale di spesa è di 96.000 € per unità immobiliare ed è prevista per alcuni interventi, fra cui:

  1. Interventi elencati alle lettere b), c) e d) dell’articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380. Alcuni esempi: Interventi per rinnovare e sostiture parti anche strutturali degli edifici, interventi per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari, interventi di restauro e recupero conservativo
  2. Interventi finalizzati alla cablatura degli edifici e al contenimento dell’inquinamento acustico
  3. Interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi
  4. Lavori finalizzati all’eliminazione delle barriere architettoniche

L’Agenzia delle Entrate ha predisposto una Guida per le agevolazioni fiscali relative alle ristrutturazioni edilizie

Bonus idrico

Prevede un contributo di 1.000 euro da utilizzare entro il 31 dicembre 2021, per le spese sostenute per sostituire sanitari e rubinetti con apparecchi a limitazione di flusso d’acqua.

Bonus mobili

Si può usufruire di una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A o superiore per i forni e lavasciuga), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

La detrazione va ripartita tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo ed è calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 16.000 euro.

Bonus verde

Prevede la possibilità di detrarre il 36% delle spese sostenute (massimo 5.000 €) per la realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

Gli interventi ammessi all’incentivo sono: sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, di unità immobiliari, pertinenze o recinzioni; impianti di irrigazione e realizzazione di pozzi; realizzazione di coperture a verde e giardini pensili

Differenza fra credito fiscale, cessione del credito e sconto in fattura

 

Cosa prevede e come funziona

Detrazione del credito di imposta

Possibilità di portare in detrazione l’importo relativo alla percentuale prevista

Il cliente paga per intero la fattura dei lavori e poi porta in detrazione l’importo suddiviso nel numero di rate annuali previste

Cessione del credito di imposta

Il cliente che ha diritto alle detrazioni previste può cedere il credito a:

  1. L’azienda che esegue lavori
  2. Istituti bancari
  3. Altri intermediari finanziari

Il cliente cede il credito e paga solo la parte non prevista dalla detrazione

Chi riceve il credito (azienda o altro) lo recupera in rate suddivise secondo il numero di anni previsti

Sconto in fattura

Prevede che il cliente riceva uno sconto diretto sulla fattura sulla base della percentuale di detrazione previstaSe si tratta di Ecobonus al 110% lo sconto sarà del 100% per cui il cliente non avrà nulla da pagare

L’azienda che esegue i lavori emette fattura con importo completo

Il cliente / condominio) paga la parte non prevista dalla detrazione (se detrazione al 65% paga il 35%, se Ecobonus al 110% non paga nulla

L’azienda recupera il credito di imposta in 5 anni o può cederlo a sua volta

Conto Termico 2.0 : un’alternativa all’Ecobonus ?

In alcuni casi un’alternativa ai bonus descritti può essere quella del Conto Termico 2.0.

L’incentivo del Conto Termico può essere al massimo il 65% della spesa complessiva sostenuta (quindi può essere anche inferiore a tale percentuale).

Nel caso in cui si utilizzi il conto termico e la detrazione che spetta sia inferiore ai 5.000 €, tale importo sarà incassato in un’unica rata dopo circa 2 mesi dalla presentazione della richiesta.

Se l’importo supera i 5.000 € i tempi di rimborso sono i seguenti:

  1. Se la caldaia ha una potenza fino a 35 kW, sono previste 2 rate annuali, la prima 90-120 dalla richiesta, la seconda 12 mesi dopo
  2. Se la caldaia ha una potenza superiore ai 35 kW sono previste 5 rate annuali

Per ogni caso specifico va valutato quindi qual’è la scelta migliore: bonus fiscale o conto termico. Per questo motivo è consigliabile contattare un professionista che possa indicarci l’opzione migliore.

Pubblicità

Invia un tuo commento

guest
Città

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
DONATA TARABUSI

Devo togliere l’ umidità dal pavimento di una stanza adibita a lavanderia, e dove abbiamo la caldaia .

Stai valutando degli interventi per la tua casa ?
Richiedi informazioni !
close-image
error: Contenuto protetto.
2
0
Vuoi inviare un commento o fare una domanda ?x
()
x