Isolamento dal caldo estivo

Il tema dell’isolamento termico di un edificio é affrontato il più delle volte per ridurre i consumi energetici collegati al riscaldamento invernale.

Questo aspetto  è ovviamente molto importante ma va considerato allo stesso modo l’aspetto collegato all’isolamento estivo tenendo presente che i costi energetici per raffrescare un edificio possono essere talvolta superiori a quell per il riscaldamento invernale.

L’isolamento termico, progettato anche per la fase estiva, permette di ridurre anche dle 50% i costi derivanti dall’uso dei condizionatori per il raffrescamenti della casa.

Elementi da considerare nel caso di isolamento dal caldo estivo

Gli elementi da considerare per un isolamento termico estivo ottimale sono:

1. La trasmittanza termica periodica

La trasmittanza termica periodica misura la quantità di calore scambiato da un materiale per unità di superficie e unità di temperatura. Definisce quindi la capacità isolante di un elemento. La trasmittanza termica si misura in [W/m2K].

Sono elementi che possono sembrare ostici; la cosa importante da tenere presente è :più il valore di trasmittanza è basso, maggiore è il potere isolante del materiale.

2. Inerzia termica

L’inerzia termica è la capacità di un materiale di variare più o meno lentamente la propria temperatura in seguito alla variazione di temperatura esterna.

In pratica l’inerzia termica è la capacità di un materiale di scaldarsi (o raffreddarsi) più lentamente rispetto ad un altro.

Per semplificare potremmo dire che l’inerzia termica permette di:

    1. Ridurre la quantità di calore che entra in casa durante la fase estiva
    2. Creare uno “sfasamento termico” che altro non è che la possibilità di rallentare gli effetti del calore che arriva dall’esterno. Il materiale isolante assorbe una parte del calore, lo trattiene e lo rilascia in maniera più lenta dopo alcune ore, quando il picco di calore esterno si è abbassato.

È necessario che lo sfasamento sia di diverse ore, se è solo di poche ore il calore trattenuto dal materiale isolante viene rilasciato quando è ancora giorno e la temperatura esterna ancora alta. Se lo sfasamento supera le 10-12 ore permette di rilasciare il calore trattenuto dal materiale isolante quanto il sole è già tramontato.

Isolamento termico estivo - sfasamento termico

Altri elementi da considerare

Oltre alla trasmittanza termica periodica e l’inerzia termica, in caso di isolamento dal caldo estivo, andrebbero considerati anche la ventilazione e l’ombreggiamento.

L’ombreggiamento si può ottenere attraverso dei sistemi:

  • filtranti (come ad esempio tende)
  • schermanti (come ad esempio sistemi a lamelle)
  • oscuranti (ad esempio tapparelle)

Per ventilazione si intende quella naturale, che dovrebbe agevolare la dispersione di calore soprattutto nelle ore notturne. Ma a causa dell’effetto “isola di calore” che si verifica nella maggior parte delle grandi città, è bene poter ventilare anche attraverso un sistema di ventilazione meccanica controllata (VMC).

Isolamento termico del sottotetto

Le coperture piane come tetto e sottotetto sono le aree dell’edificio dove in inverno la dispersione di calore é più alta e dove in estate si presenta il problema di eccessivo riscaldamento.

Questa situazione è ben nota a chi ha una casa indipendente oppure a chi abita all’ultimo piano di un condominio dove in estate le temperature di questi alloggi raggiungono temperature molto alte.

Anche in questo caso il materiale isolante impiegato deve possedere una bassa conducibilità termica (deve essere un buon isolante) e contemoraneamente  un’alta densità materica, vale a dire una massa espressa in Kg/m3, alta (vedere tabella nel paragrafo successivo).

Materiali da considerare per isolamento dal caldo estivo

Sulla base di quanto indicato in precedenza, per l’isolamento termico estivo vi sono materiali più indicati di altri:

Isolamento termico estivo - miglior isolante contro il caldoDalla tabella si può notare che i materiali più idonei per questo tipo di isolamento sono la lana di legno, la fibra di legno, il sughero espanso, la lana di roccia.

I materiali “leggeri” come l’EPS, l’XPS o il poliuretano non hanno una densità (kg/m3) sufficiente per far ottenere un isolamento estivo ottimale.

I materiali naturali come la fibra di legno, il sughero o la canapa risultano inoltre altamente permeabili al vapore consentento alla casa di “respirare”.

Potremmo dire che i materiali (lana di legno, sughero) sono leggermente meno efficaci nell’isolamento invernale rispetto a EPS o il poliuretano. Questo è vero anche se si tratta di differenze minime. In ogni caso si possono raggiungere gli stessi risultati con lana di legno o sughero anche per la fase invernale progettando l’isolamento termico con qualche cm in più di spessore per questo tipo di isolanti.

La facciata ventilata

(Da Wikipedia): “La facciata ventilata (o parete ventilata) è un particolare tipo di rivestimento perimetrale delle pareti che prevede l’applicazione a secco, sulla superficie esterna dell’edificio, di pannelli di opportuno spessore, non strettamente aderenti alla struttura. La facciata ventilata è caratterizzata essenzialmente dalla posizione dello strato di rivestimento esterno, che non aderisce alla parete di tamponamento ma ne risulta distanziato per formare un’intercapedine. In questo modo, si ottiene la circolazione naturaledell’aria nello spazio dell’intercapedine, per effetto del moto convettivo prodotto dalla presenza di aperture disposte alla base e alla sommità della facciata“.

Isolamento termico - facciata ventilataCio’ significa che sulla parete esterna (in rosso nell’immagine) viene posato l’isolante (evidenziato in giallo nell’immagine) per l’isolamento invernale. Fra il materiale isolante e il pannello (in arancione) si lascia uno spazio vuoto di alcuni centimetri.

Questo farà si che, soprattutto in estate, si creerà il cosiddetto “effetto camino” che permetterà di far salire verso l’alto l’aria calda riducendo la quantità di calore che tende ad entrare all’interno dell’edificio

Nota: tale intervento va pensato e progettato quando si hanno pareti di una certa altezza ed è quindi un intervento da valutare principalmente per i condomini.

Va precisato inoltre che tale intervento va progettato con molta attenzione perchè l’effetto camino potrebbe, in casi eccezionali, alimentare lo sviluppo delle fiamme che si potrebbero sviluppare in una zona esterna dell’edificio in caso di incendio.

In conclusione: cosa occorre fare per realizzare un buon isolamento estivo ?

Se sei interessato a capire come puoi ridurre i tuoi consumi energetici e quindi risparmiare sui costi di riscaldamento invernale e di raffrescamento estivo , la prima cosa da fare è richiedere una consulenza di un professionista che possa valutare gli interventi più adatti per la tua casa.

Un’analisi del contesto nel quale gli interventi (ad esempio di isolamento termico) verranno realizzati ti permetterà di ottenere il massimo risultato in termini di riduzione dei costo e aumento del comfort ed eviterà di avere problemi dovuti ad un intervento realizzato in maniera affrettata “tanto per isolare la parete fredda esposta a Nord“.

Perché rivolgersi a noi

Rivolgendoti ad Ecostili avrai una consulenza professionale per scegliere la soluzione migliore per la tua casa.

A differenza delle ditte che tendono a presentare soluzioni tutte uguali (ad esempio per i materiali) e troppo semplificate senza valutare il contesto, noi possiamo presentarti le soluzioni migliori dopo aver fatto un’adeguata analisi delle tue esigenze e una diagnosi dell’edificio su cui intervenire.

Ogni intervento è un caso a sé e va progettato con attenzione per ottenere i risultati desiderati.

Una volta valutati e decisi gli interventi da realizzare avrai inoltre un unico referente in tutte le fasi dei lavori dato che saremo noi di Ecostili a gestire:

  1. Le pratiche necessarie per iniziare i lavori (che che possono variare a seconda del tipo di intervento previsto)
  2. Il coordinamento del lavori realizzati dalle ditte con cui collaboriamo
  3. Il disbrigo delle pratiche per ottenere le detrazioni fiscali (ENEA, ecc.)

Scrivi un tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.